Formazione Sincrona ed Asincrona: tutto quello che c’è da sapere

Condividi questa notizia:

Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Da qualche mese, si sente parlare sempre più di formazione sincrona ed asincrona per la necessità, nata dal COVID-19, di dover “trasferire” le normali lezioni in aula in ambienti virtuali.

La formazione a distanza (FAD), proprio in questo periodo, è sotto i riflettori di tutti e anche in Italia si comincia a parlare dei benefici che essa porta.

Ma come ogni nuovo fenomeno digitale, la maggioranza dei potenziali fruitori, proprio perché lontana dal mondo digitale, ha parecchia confusione nel capire le differenze che intercorrono tra apprendimento sincrono ed asincrono.

In questo articolo si cercherà di sgomberare il campo da qualsiasi dubbio e si elencheranno i principali benefici di entrambe le forme di apprendimento, cosi come le piattaforme FAD attualmente presenti sul mercato.

FAD ASINCRONA E FAD SINCRONA: DI COSA SI TRATTA?

Prima di poter apprezzare i benefici che la formazione online possiede, è necessario capire la differenza che ruota attorno le sue due macro aree: formazione asincrona e formazione sincrona.

Formazione Asincrona

Per formazione asincrona si intende una situazione di relazione formativa in cui i soggetti comunicano da luoghi diversi e in tempi diversi. Non vi è una presenza contemporanea di docenti e discenti, e quindi l’interazione tra di loro è ovviamente limitata. Gli strumenti che di solito vengono utilizzati in questa modalità formativa sono diversi e variano tra le diverse piattaforme FAD. Generalmente, i corsi online in modalità asincrona possono essere costituiti da:

Formazione Sincrona

Per formazione sincrona si intende una situazione di relazione formativa in real-time, in cui docenti e discenti comunicano da luoghi diversi, ma contemporaneamente. Vi è dunque un’interazione che, seppure mediata dallo strumento informatico, è contemporanea, con tutti i vantaggi in termini di interattività che questo comporta.

Proprio in questo particolare momento storico, le piattaforme FAD che offrono soluzioni sincrone sono al centro dell’interesse da parte di enti di formazione, aziende e scuole.

LE DUE MODALITÀ DI FORMAZIONE ONLINE A CONFRONTO

Dopo aver messo chiarezza su cosa si intende per formazione a distanza in modalità asincrona piuttosto che sincrona, possiamo soffermarci sui benefici che si hanno adottando queste soluzioni.

I BENEFICI DELLA FAD ASINCRONA

Quando un’azienda lancia un progetto di e-learning dedicato ad un singolo argomento con una data limite per il completamento del corso, si aspetta di ottenere un alto grado di partecipazione ed un buon livello di apprendimento consentendo alle persone di svolgere le attività formative quando e dove preferiscono.

Questa è la situazione-tipo dove la formazione asincrona esprime al meglio il proprio potenziale: strutturare il corso con i tempi giusti e dare la possibilità ai corsisti di seguirne il relativo contenuto in qualsiasi momento ed ovunque si trovino.

Non bisogna pensare che i corsi strutturati in maniera asincrona non permettano il monitoraggio dei singoli utenti. Le migliori piattaforme FAD offrono sistemi di tracciamento che consentono di sapere, per ciascun utente:

I benefici della FAD Sincrona

Prendiamo in considerazione la situazione attuale: il mondo delle scuole e degli enti di formazione ha dovuto fermarsi. Tuttavia, la formazione deve continuare anche in situazioni limite del genere. In questo caso viene in soccorso il mondo della formazione a distanza sincrona, ovvero, la possibilità di creare aule virtuali dove docenti e discenti possono interagire tra loro come se fossero nello stesso luogo.

Come la formazione asincrona, anche la formazione sincrona permette di tenere traccia dei discenti presenti durante la sessione dal vivo ed assicurare il corretto svolgimento della lezione.

Anche in questo caso, come immaginabile, esistono diverse piattaforme FAD e DAD (didattica a distanza) che offrono soluzioni in grado di soddisfare le esigenze di tutte quelle scuole ed enti di formazione che vogliano trasformare le lezioni in aula in ambienti virtuali.

La strategia vincente

È il momento, adesso, di capire quale può essere la migliore strategia per poter trarre i benefici di cui abbiamo parlato fin ora.

Sebbene le due forme di apprendimento rispondano, in linea teorica, ad esigenze diverse, è stato appurato il fatto che la migliore strategia consista nel combinarle insieme.

Più precisamente, una scuola e/o ente di formazione può sfruttare la formazione sincrona per le sessioni formative pure, come ad esempio le normali lezioni a scuola; in alternativa, la stessa può utilizzare la formazione asincrona, per assegnare dei test, caricare dispense, e video utili ai fini dell’apprendimento, lasciando agli studenti la facoltà di visionarli dove e quando vogliono.

Quel che è davvero importante, però, è la scelta delle giuste piattaforme FAD  da utilizzare. Questa non è un’affermazione banale se si considera la recente nascita di diverse aziende, le quali promettono prestazioni di altissimo livello pur non avendo mai operato nel settore.

Affidatevi alle aziende che da anni cavalcano l’onda dell’e-learning come VITECO e, soprattutto, affidatevi a dei provider che siano in grado di fornire soluzioni integrate (asincrone e sincrone).

Per scoprire tutte le soluzioni da noi proposte, non esitate a compilare il nostro contact form; nel giro di pochi minuti, vi contatteremo per accompagnarvi nella scelta delle vostre piattaforme FAD.

Se stai cercando un fornitore affidabile o un partner per progetti autorevole, VITECO potrebbe essere la soluzione per te.