PIATTAFORME FAD: UNA RIVOLUZIONE IN CORSO ACCELERATA DALLA PANDEMIA

Condividi questa notizia:

Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

A causa della pandemia mondiale l’utilizzo di piattaforme FAD (formazione a distanza) e in generale il mondo dell’e-learning hanno avuto un incremento e uno sviluppo significativo. È ragionevole considerare che i cambiamenti a cui stiamo assistendo proseguiranno negli anni a venire. Per non lasciarsi sfuggire le opportunità connesse al mondo della formazione a distanza, ecco alcune riflessioni.

PIATTAFORME FAD: COSA SONO

Le piattaforme FAD sono un sistema integrato di servizi interattivi per supportare e gestire l’apprendimento e la formazione online. Si tratta di software, di solito distribuiti in modalità SaaS (Software-as-a-Service), che si occupano della fruizione interattiva dei contenuti, la gestione degli utenti e l’analisi delle statistiche.

Spesso viene utilizzato come sinonimo LMS (Learning Management System).

Le piattaforme FAD forniscono un’esperienza completa di apprendimento dove i discenti possono iscriversi, frequentare i corsi, verificare le conoscenze acquisite e ricevere un attestato di partecipazione.

VANTAGGI DELL’E-LEARNING

La parola “e-learning” è stata coniata da Elliott Maisie nel 1999. Negli ultimi anni l’e-learning ha fatto passi da gigante soprattutto grazie a 4 fattori:

Oggi l’e-learning non è uno strumento di nicchia, ma un’opportunità per enti, aziende e consorzi per aumentare il livello di conoscenza dei propri iscritti o collaboratori. I 4 aspetti che rendono le piattaforme FAD vantaggiose rispetto all’apprendimento tradizionale sono:

COME SCEGLIERE LE PIATTAFORME FAD

Il mercato offre diverse aziende e piattaforme FAD tra cui scegliere, ma in alcuni casi ad un brand altisonante non corrisponde un servizio di qualità.

Una buona piattaforma FAD deve:

FORMAZIONE SINCRONA E ASINCRONA

Le caratteristiche tecniche delle piattaforme FAD devono soddisfare le esigenze dei discenti. Anche se l’obiettivo finale rimane l’apprendimento, ci sono notevoli differenze, per esempio, tra imparare un linguaggio di programmazione e frequentare un corso di aggiornamento professionale.

La formazione sincrona riproduce in maniera virtuale una classe di discenti guidata da un insegnante. Trattandosi di un’aula virtuale, ovviamente non è necessario che tutti siano nello stesso luogo e questo permette di gestire anche grandi numeri di discenti contemporaneamente. Questo tipo di formazione trova riscontro soprattutto nell’ambito della didattica scolastica e universitaria. Gli insegnati hanno la possibilità di condividere diapositive, presentazioni PowerPoint, pdf, video. In questa circostanza una buona piattaforma FAD dovrebbe prevedere la possibilità di: creare corsi personalizzati, caricare velocemente nuove attività, permettere l’uso dei commenti, ecc.

Formazione sincrona

Nella formazione asincrona i discenti seguono i corsi in maniera completamente autonoma, rispettando tempistiche e curve di apprendimento personali. Le lezioni possono includere video lezioni preregistrate, quiz e altri elementi interattivi. In questo scenario le piattaforme da preferire sono quelle che permettono una gestione semplice dei contenuti interattivi ed altre funzionalità come: la navigazione sequenziale dei corsi e la visualizzazione dei progressi.

Formazione asincrona

SCORM

SCORM è l’acronimo di Shareable Content Object Reference Model, si tratta di uno standard per la condivisione dei contenuti in e-learning.

Nell’e-learning i corsi sono strutturati utilizzando delle unità base chiamate learning object, ogni oggetto didattico deve avere delle caratteristiche specifiche per essere compatibile con lo standard SCORM.

Questi requisiti sono fondamentali perché in questo modo è possibile effettuare lo scambio di informazioni tra il learning object e la piattaforma utilizzando API specifiche. Gli insegnanti possono tracciare il percorso didattico del discente e conoscere chi ha superato i test e in che modo sta procedendo l’apprendimento.

Queste informazioni sono oltretutto indispensabili per certificare la frequentazione dei corsi da parte dei discenti e per rilasciare loro l’attestato di partecipazione. Va da sé, quindi, che sono da prediligere le piattaforme FAD che supportano questo standard.

L’IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE IN AZIENDA

La formazione in azienda è un vero e proprio investimento che aumenta non solo le competenze della singola persona, ma anche dell’intero gruppo di lavoro. Parallelamente allo sviluppo di ulteriori capacità professionali nelle risorse umane, si accompagna una crescita dell’azienda nel suo insieme.

Le aziende che puntano sulla formazione stanno aumentando perché, in un mondo sempre più competitivo e complesso, la conoscenza e l’aggiornamento costante, il miglioramento delle soft skills e delle competenze trasversali fanno la differenza e aumentano la qualità del lavoro.

La formazione quindi non riguarda solamente gli aspetti più tecnici, ma permette anche di migliorare le relazioni tra i colleghi costruendo un luogo di lavoro più sereno e rispettoso delle esigenze di tutti.

L’e-learning, potendo offrire sia la formazione sincrona che asincrona, è l’approccio all’apprendimento maggiormente preferito dalle aziende perché riduce i costi e permette una gestione ottimale dei tempi del personale.

E-LEARNING E DIGITAL DIVIDE

L’Italia ha un deficit infrastrutturale per quanto riguarda la diffusione della banda larga rispetto ad altre nazioni europee. Questo argomento non è certo una novità e sappiamo bene che uno dei freni all’innovazione tecnologica delle aziende è dovuto anche a questa problematica.

Con la necessità dell’utilizzo dell’e-learning nelle scuole il digital divide è diventato un argomento di attualità anche per le famiglie. La mancanza di accesso alla rete esclude non solo dalla società digitale, ma comporta un’esclusione ben più profonda.

È bene ricordare che il digital divide non è solo infrastrutturale, ma è anche dovuto ad una scarsa alfabetizzazione digitale. Le competenze digitali oggi non sono solamente delle abilità tecniche da acquisire, ma sono sempre più il presupposto per una piena partecipazione alla vita politica, sociale ed economica.

Lo sviluppo della formazione a distanza e della didattica a distanza potrebbe dare quella spinta decisiva non solo per attuare importanti interventi strutturali, ma anche per diffondere e aumentare il livello di alfabetizzazione digitale.

LA FAD NELLO SCENARIO POST-COVID

Cosa succederà nelle università dopo la fine della pandemia? Ritorneranno interamente alla modalità tradizionale di insegnamento? Sono queste le domande che molti si pongono dopo più di un anno dall’esplosione della pandemia.

Alcuni ricercatori sostengono che le università e i diversi enti pubblici o privati non dovrebbero abbandonare l’apprendimento online dopo la pandemia. Perché? In alcuni casi l’apprendimento virtuale potrebbe aumentare (e migliorare) le interazioni fra studenti e professori e fra gli stessi studenti e ridurre le distrazioni, con la possibilità di rivedere la lezione in un secondo momento e, di conseguenza, ottenere una maggiore flessibilità. Sia la formazione online che quella più tradizionale hanno i loro vantaggi e svantaggi e, per questo, sarebbe positivo investire su un approccio ibrido che possa permettere a tutti di accedere a un’educazione di qualità e più inclusiva.

Inoltre, un interessante articolo dell’Harvard Business Review dimostra come alcune università utilizzano le nuove tecnologie che permettono, fra gli altri vantaggi, di ridurre i costi per gli studenti. I cambiamenti provocati dall’apprendimento a distanza, infatti, non si limitano solamente all’insegnamento, ma anche alla digitalizzazione dei servizi universitari basati sull’IA.

L’educazione superiore, fra modalità digitali e tradizionali, si trasformerà in un percorso di formazione continua in cui si fortifica il collegamento fra università e aziende e dove gli studenti si formeranno costantemente attraverso diverse modalità d’apprendimento facendo leva sulle opportunità offerte dalla trasformazione digitale dell’insegnamento.

CONCLUSIONE

La pandemia ha trasformato quelle che erano delle sperimentazioni a macchia di leopardo in una necessità strutturale. Nei fatti, le piattaforme FAD hanno permesso di far proseguire la didattica scolastica e la formazione nel mondo del lavoro.

Oggi la priorità è cercare di tornare alla “normalità”, ma le esperienze che sono state acquisite nell’ambito dell’e-learning non vanno perdute. La scuola e la formazione del futuro utilizzeranno sempre più forme ibride di apprendimento per creare percorsi formativi personalizzati e flessibili.

Se stai cercando un fornitore affidabile o un partner per progetti autorevole, VITECO potrebbe essere la soluzione per te.